Home / Cucina / Accidenti a quella rapa: tra proverbi e ricette

Accidenti a quella rapa: tra proverbi e ricette

Non si dimentichi, dunque, il proverbio contadino per cui “tutto a suo tempo e rape in Avvento”. Non oltre i primi dieci giorni dell’ultimo mese dell’anno, infatti, le rape invernali andranno estratte dal terreno e avviate alla conservazione che avverrà in scatole di sabbia o terra asciutta. Anche per il poeta latino di origine iberica Marco Valerio Marziale (40 – 102) le rape raccolte a ridosso del solstizio d’inverno sono talmente buone che le mangia volentieri nientemeno che Romolo, leggendario fondatore e primo re di Roma: gaec tibi brumali gaudentia frigore rapa / quae damus, in caelo Romulus esse solet (eccoti le rape che si sono godute il freddo brumale / cibo abituale di Romolo lassù in cielo Xenia, liber XIII, XVI). La rapa estiva, destinata a un consumo immediato, si semina invece a partire da marzo e si raccoglie prima che le radici ingrossino troppo caricandosi di cellulosa e diventando così poco digeribili. Quando? Ce lo indicano due proverbi: “se vuoi la buona rapa per Santa Maria (15 agosto) sia nata”, oppure il toscano “accidenti a quella rapa se d’agosto ‘un è nnata”. I tipi estivi più apprezzati? La rapa bianca piatta di Milano e la bianca lodigiana. Oggi, nel nostro paese, la rapa si coltiva soprattutto nel nordItalia e tra le province più “vocate” a tale coltura merita di essere ricordata quella di Cuneo; non disprezzabile, però, la produzione toscana e campana. All’estero spiccano alcune aree francesi, i Paesi Bassi e la Scozia.

Vitamine e minerali. Luci e ombre
Poco stimata sul piano nutrizionale il nostro ortaggio ha, invece, recentemente proprio su questo terreno conquistato parecchi crediti. Risulta, infatti, ricco di vitamina B6 e C e abbonda di sali minerali quali il calcio, il fosforo, il magnesio, il potassio, al punto che la scuola medica salernitana (XI – XII secolo) ne rilevava le proprietà diuretiche ed emollienti, depurative e rinfrescanti utili nella cura delle cistiti, gotta, litiasi, delle malattie della pelle e, mescolata con grappa e miele, dell’apparato respiratorio. Più problematico intorno ai benefici della rapa è stato Castore Durante da Gualdo (1529 – 1590), umanista, archiatra del terribile papa Sisto V e autore del prezioso Tesoro della sanità, breviario cinquecentesco della salute e della vita quotidiana, uno tra i primi esempi di letteratura divulgativa di argomento igienico – sanitario. Per il medico umbro il simpatico ortaggio “Genera ventosità e aquosità nelle vene, e opilazione nei pori. È di tarda digestione, e talora mordica il ventre e lo fa gonfiare, riscalda le reni: cruda è nemica allo stomaco; arrostite, e acconcie con aceto in insalata eccitano l’appetito”. Insomma, per il nostro volgarizzatore controriformista la rapa è più ombre che luci.
Naturaliter insipida, scipita, sciocca la rapa, che raccoglie pure le critiche della secolare saggezza del popolo romano: “Chi cià er pepe lo mette a le rape, e chi nun ce l’ha le magna sciape”. Un atteggiamento svalutativo nei confronti della nostra brassicacea ribadito anche da una quartina di area toscano/lucchese:

Disse Cristo agli apostoli suoi
non mangiate rape ch’è cibo da buoi
Rispose san Pietro ad altissima voce
maledette le rape e chi le coce

Come ti cucino la rapa a Lucca
Una ricetta tanto sapida quanto semplice che viena da Gombitelli, frazione del Comune di Camaiore sul versante lucchese del Montemagno, sposa le rape con le salsicce: uno dei prodotti, insieme a molti altri (lardo, pancetta, prosciutti, salami aromatiizzati e non…), di una secolare tradizione in materia di lavorazione delle carni di maiale ben presente ai bongustai di tutta Italia e anche oltre.
Padellata di rape e salsicce
4 salsicce; 1 chilo di rape; 3 spicchi d’aglio; olio, sale, pepe quanto basta.
Passa le rape per circa 10 minuti nell’acqua bollente. In una padella scalda un goccio d’olio e aggiungi le salsicce di Gombitelli ridotte a pezzetti. Cuocile a fuoco medio per almeno 10 minuti: per evitare di bruciare la salsiccia fai magari ricorso a un un cucchiaio d’acqua. A questo punto versa l’aglio spezzettato e fai rosolare per 5 minuti. Scola le rape e aggiungile alla padella con le salsicce e fai cuocere a fuoco brioso fino a completa cottura delle salsicce. Servi caldo con pane rustico. Un piatto invernale che dà soddisfazione tutto l’anno.

Luciano Luciani

Leggi Anche

San Giuliano, topi nella cucina della mensa

San Giuliano Milanese (Milano), 22 settembre 2018 – Topi nel centro cottura, chiusura forzata per …