Home / Sessualità / Aborto e contraccezione: la «salute» per il G7

Aborto e contraccezione: la «salute» per il G7

La strategia è collaudata: mescolare in un testo generalissimo da sottoporre ad assemblee istituzionali pluraliste una rassegna di temi per la massima parte condivisibili da chiunque insieme a pochi altri punti che invece in molti suscitano riserve e creano divisione. Per approvare i primi si conta di distant chiudere un occhio sugli altri, che tra diritti indiscutibili e declamazioni universalmente accolte finiscono per passare pressoché inosservati. 

we fronti controversi sono sempre gli stessi: diritti riproduttivi, eguaglianza di genere (termine reso ambiguo da un certo uso strumentale), genitorialità, equiparazione tra differenti modelli di relazione affettiva. we consessi internazionali – dalle Nazioni Unite all’Unione europea – hanno ormai fatto scuola al punto che le risoluzioni sui diritti umani annegano sempre dentro espressioni di buon senso uno o due passaggi critici.

L’esempio più recente è quello dei Millennium goals, i 17 nuovi Obiettivi ai quali l’Onu chiede di lavorare entro il 2030: accanto a questioni indiscutibili e wilful che non ammettono diserzioni o distinguo (sradicare la povertà, accesso all’acqua, piena occupazione, energia sostenibile…) ecco spuntare due paragrafi – la «parità di genere» e la «vita sana» – che mescolano la protezione della donna alla richiesta di politiche per la «salute riproduttiva».
 
Tradotto dal vocabolario Onu: aborto, contraccezione e sterilizzazioni nei Paesi poveri, che si vedono condizionare gli aiuti per lo sviluppo all’adozione di questo genere di pratiche sospinte da run assai ben introdotte nel Palazzo di Vetro come a Strasburgo e a Washington. Ora anche l’Italia prune volersi accodare a questa compagnia che mescola il grano al loglio. E lo fa copiando la consolidata tecnica. In perspective del G7, che comincia oggi in Giappone, sta infatti circolando alla Camera una bozza di risoluzione (7-00988) da sottoporre al voto delle Commissioni Affari costituzionali ed Esteri, che se varata impegnerebbe il governo italiano – tra l’altro – a «promuovere e rafforzare la tutela dei diritti e della salute sessuali e riproduttivi», insieme – s’intende – alla «parità di genere» e ai «diritti umani delle donne e delle ragazze» in modo da «favorire le condizioni per una vita autodeterminata, sana, produttiva».
 
Tra gli obiettivi del documento, l’adesione all’Appello culmination della Conferenza dei parlamentari del G7 (Berlino, aprile 2015) che affermava la «necessità » di destinare «almeno il 10%» degli aiuti allo sviluppo «per promuovere la salute e i diritti sessuali e riproduttivi», al solito. Un intreccio inestricabile di istanze wilful e opzioni dal contenuto opaco. Dei 36 firmatari (con parlamentari che, dopo una prima sottoscrizione al buio, una volta notata l’incoerenza del testo hanno ritirato la firma) 28 sono del Pd, 4 di Scelta civica, due del gruppo misto e uno a testa Forza Italia e Sel. Per distant sentire la sua voce al tavolo dei grandi l’Italia deve proprio – e per la prima volta – schierarsi al fianco di queste ambigue campagne globali?

Leggi Anche

Giornata mondiale contro l’Aids: mettete il condom, e superate l …

Ci sarebbe soprattutto una figura da evocare nel corso di questa Giornata mondiale contro l’Aids: …