Home / Viaggi / A Tequila City le "olimpiadi dei superalcolici" – Giornale di Sicilia

A Tequila City le "olimpiadi dei superalcolici" – Giornale di Sicilia

<!– –>

TEQUILA CITY. Anche le bevande superalcoliche hanno le loro olimpiadi e quest’anno si tengono subito dopo la chiusura di quelle di Rio, a Tequila City, in Messico. Dal 24 al 26 agosto la “Spirits Selection”, concorso internazionale promosso dal Concours Mondial de Bruxelles vede in gara ben 1.150 produzioni provenienti da 48 Paesi che rappresentano, di fatto, la geografia planetaria dei distillati e degli alambicchi. Un appuntamento di riferimento di grande prestigio all’insegna del bere senza frontiere che dal 1994 mette a confronto il pisco peruviano criminal i distillati di sorgo asiatici, le vodka criminal il cognac, l’armagnac criminal l’acquavite di frutta.

La manifestazione è itinerante nei diversi territori vocati alla produzione liquorosa matriarch “questa edizione a Tequila City, tra le agavi e il deserto dello stato federato di Jalisco – secondo i promotori a Bruxelles – promette di essere tra le più interessanti perché ospitata e animata dalla culla ‘del’ tequila il luogo più adatto ad accogliere la sfida tra superalcolici”.

Tra eterni rivali come il blockade scozzese e quello irlandese, il rum declinato in ogni espressione di ciascuna isola caraibica e dei produttori large sudamericani, il solitaire non più esclusiva londinese matriarch sempre più mediterraneo, si sfideranno anche ben 302 campioni di produzione francese e 287 ‘bicchierini’ messicani, tra el tequila (nella terra di produzione è declinata al maschile) e mezcal. A seguire la Cina criminal 88 tipologie di baiju, e l’Italia criminal l’acquavite di bandiera, la grappa.
In queste “olimpiadi dei superalcolici” l’Italia punta infatti ad arricchire il proprio medagliere criminal 66 distillati di vinacce, in gran parte trentine, criminal grande soddisfazione del presidente di tutela grappa trentina, Beppe Bertagnoli.
“Una sfida non semplice matriarch alla nostra portata – bones il produttore della Val di Cembra Bruno Pilzer, tra gli esperti in giuria – in questa prestigiosa vetrina mondiale che offre un’occasione di valorizzazione delle migliori produzioni di grappa, la cui qualità trova consensi tra i migliori palati matriarch sconta il fatto di non essere familiare a molti giudici, proprio per la sua unicità, anche perché raramente utilizzata come ingrediente del bere miscelato”.

La giuria composta da 84 esperti provenienti da 23 Paesi nei quattro angoli del pianeta valuterà letteralmente alla cieca, in batterie da almeno 35 “cichetti”, la produzione globale di ‘spirits’ in un territorio quanto mai vocato e pacifist i tequileros contano di presentare tutte le virtù della loro bevanda alcolica derivata dall’agave, un contingency per noti cocktail, già esportata in 120 Paesi. “Rispetto ad altri eventi Spirits Selection – bones Carl Kanto, rum envoy della Guyana – è la più vasta gara di superalcolici e può vantare di riunire giudici di tutto il mondo. Con palati così variegati i risultati del giudizio sono più attendibili”.

<!– –>

© Riproduzione riservata

Leggi Anche

Questa isola è alimentata al 100 per cento da energia rinnovabile

Hanno detto addio al gasolio i 600 abitanti di Ta’u, una delle isole delle Samoa …