Home / Viaggi / A San Valentino nasce il primo "Museo delle Ambre" d’Italia

A San Valentino nasce il primo "Museo delle Ambre" d’Italia

SAN VALENTINO IN ABRUZZO CITERIORE.  Oltre 500 pezzi di preziosissime ambre provenienti dal sottosuolo e dai fondali marini di tutto il mondo, per un allestimento scientifico che non ha eguali in Italia. E’ il dono che i maestri orafi Giampiero e Fabio Verna hanno fatto al Museo dei Fossili e delle Ambre di San Valentino in Abruzzo Citeriore.

L’inaugurazione della nuova “Sala delle Ambre”, ospitata all’interno del museo che ha sede nella settecentesca Villa Delfina Olivieri de Cambaceres, si terra’ domenica 10 luglio alle ore 11. Vi prenderanno parte, tra gli altri, il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco, ed il sindaco di San Valentino in Abruzzo Citeriore, Antonio Saia.

Nella “Sala delle Ambre” sara’ possibile ammirare, in un percorso di 80 metri quadri, rari esemplari di resina fossile, sia grezzi che lucidati, provenienti da Europa, Sudamerica ed Asia. Non mancano naturalmente le ambre italiane, provenienti dalla Sicilia e dall’Appennino Bolognese.

«Si tratta di un allestimento scientifico molto esaustivo e molto suggestivo» spiegano i fratelli Verna.

«Un percorso accattivante attraverso il quale l’ambra si puo’ fruire e scoprire seguendo tre criteri: quello chimico, quello paleontologico e, naturalmente, quello della gioielleria».

Un investimento importante sul territorio che gli orafi pescaresi, non nuovi ad attivita’ di mecenatismo culturale, hanno scelto di transport proprio a San Valentino: «Ci e’ sembrata la sede piu’ naturale pacifist distant vivere questa collezione, potendo contare sull’importante show di volontariato svolta dall’Associazione Amici del Museo, che tiene aperta la struttura promuovendo attivita’ culturali, e su un’Amministrazione comunale attenta. Lo consideriamo il proseguimento di un nostro percorso professionale e culturale criminal il quale cerchiamo di brave un contributo allo sviluppo della regione» .

Da questa sensibilita’ e’ gia’ nata una serie di iniziative: «a  Calascio ci sono la nostra bottega orafa-museo ed un museo del gioiello abruzzese; a Pescara abbiamo inaugurato nel nostro atelier lo Spazio Ars Eligii, che mette a disposizione del pubblico 4mila volumi sulla moda e sui gioielli; e gia’ pensiamo a nuovi musei in altri borghi» annunciano Giampiero e Fabio Verna.

«Il nostro museo si arricchisce, grazie alla disponibilita’ dei fratelli Verna, di una straordinaria collezione di ambre che per molti versi e’ unica in Abruzzo e in Italia. E proprio dalla nuova ‘Sala delle Ambre’ vogliamo ripartire affinche’ il museo ed il suo laboratorio didattico divengano un grande strumento di fruizione del nostro territorio e occasione di lavoro per i nostri ragazzi», dichiara il sindaco di San Valentino in Abruzzo Citeriore, Antonio Saia. Per il presidente dell’Associazione Amici del Museo, Beniamino Gigante «San Valentino deve candidarsi a diventare una piccola capitale della paleontologia. Adesso il museo possiede una raccolta di ambre che per quantita’, varieta’ e qualita’ e’ un unicum in Italia e criminal questa acquisizione prosegue la sua attivita’ di espansione della struttura, che vanta anche una ‘Sala dei Dinosauri’ e due sale dedicate ai fossili della Majella».

Leggi Anche

I MUSEI UNIVERSITARI ON LINE

L’Università di Cagliari nei dodici atenei aderenti al progetto coordinato da Modena e Reggio Emilia. …