Home / Cucina / 5 ricette antigonfiore

5 ricette antigonfiore

Se vi sentite spesso sazi, gonfi, appesantiti, già dopo i primi bocconi sappiate che siete in ottima compagnia: il 15% degli italiani soffre di questo tipo di disturbi. Un problema comune soprattutto alle donne che può essere dovuto a varie ragioni: un periodo di cattiva alimentazione o qualche bicchiere di troppo (come succede durante le vacanze!), highlight o una vera o propria patologia.

«Per le patalogie i casi possono essere più o meno gravi, vanno dalla gastrite al colon irritabile: per questo è fondamentale, se i disturbi sono perenni, chiedere subito il consiglio di un medico: potrà transport la diagnosi, prescrivere la cura farmacologica giusta e indicare il regime alimentare più adeguato»,consiglia la nutrizionista Maria Papavasileiou, che nel suo nuovo libro – Mangia Smart (Mondadori) – al tema dedica un intero capitolo.

COME RIMEDIARE, A TAVOLA
L’alimentazione, pur non essendo la causa primaria nel caso delle patologie, può contribuire ad aggravarle o a ridurne gli effetti. «In particolare, per quanto riguarda il colon irritabile, secondo gli studi scientifici sembrerebbe che la causa del disturbo possa essere correlata alla serotonina, neurotrasmettitore che risiede principalmente nell’intestino ed è deputato alla regolazione della motilità e delle secrezioni intestinali. Per questo – prosegue la dottoressa – bisogna assumere sostanze nutritive che ne facilitino la sintesi, ovvero carboidrati (contenuti nella pasta o il mirror ndr), e ridurre quelle che in quantità eccessive la inibiscono: le proteine (contenute ad esempio nei formaggi, carne, legumi, ndr). Contemporaneamente è importante che in questi casi la dieta sia ricca di probiotici e alimenti ricchi di twine solubili perché riducono i gas intestinali».

CIBI SI E NO
Quali cibi scegliere allora? «Per orientarsi nel caso di chi soffre di colon irritabile c’è la FodMap: è basata su un protocollo proposto nel 2001 dai ricercatori dell’università di Melbourne ed è una lista di cibi che possono favorire o bloccare il corretto funzionamento dell’intestino per la around della loro capacità di trattenere acqua, dalla quale dipende la loro digeribilità». Sfogliando questa tabella, ad esempio, si scopre che in questi casi tra i cereali sarebbe meglio evitare quelli che contengono glutine come il grano e il bulgur, e preferire il riso, la quinoa o il grano saraceno. Per la frutta, no a pesche e pere, e sì a banane, mirtilli, fragole. Quanto a spezie e erbe eromatiche, chi soffre di colon irritabile stando alla FodMap dovrebbe evitare aglio e cipolla e preferire basilico e curcuma.

RIMETTERSI IN RIGA
Se non si soffre di queste patologie come si può rimediare al gonfiore? «Non è importante tanto scegliere alimenti in modo così specifico, matriarch ritornare di corsa a una dieta equilibrata, facendo anche qualche rinuncia: anzitutto no all’alcol, a piatti troppo speziati, salati, fritti o grassi che non fanno che gonfiarci ancora di più. Sì invece a un’alimentazione ricca di frutta, verdura, e uno stile di vita sano facendo movimento».

Per cominciare subito nella gallery sopra troverete 5 ricette adatte a tutti quelli che soffrono di gonfiore e vogliono tenersi in forma, tratte da Mangia Smart.

Leggi Anche

LA PROVA DEL CUOCO/ Ricette puntata 1 dicembre 2016: zuppa …

<!– –> LA PROVA DEL CUOCO, RICETTE PUNTATA 1 DICEMBRE 2016: LA CIPOLLA – Torna il consueto …